1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
 
Testata per la stampa
 
 
Contenuto della pagina

I disturbi della memoria e cognitivi

 

Roberto Gallassi, neurologo già Responsabile Scientifico del Centro Universitario per lo Studio Neurologico dell’Invecchiamento Cerebrale e del laboratorio di Neuropsicologia Clinica del Dipartimento di Scienze Neurologiche dell’Università di Bologna e dell’IRCCS dell’Istituto di Neurologia di Bologna. Valentina Gallassi, psicologa, psicoterapeuta con formazione in neuropsicologia.

 

È risaputo che le prestazioni di memoria, con il passare degli anni, tendono a diventare meno efficaci: episodi di “smemoratezza” sono molto comuni e possono non influire significativamente sulle capacità di svolgere le attività della vita quotidiana e sulla possibilità di avere una normale vita di relazione. Quando, invece, i disturbi di memoria e delle altre funzioni cognitive (attenzione, orientamento spazio-temporale, linguaggio, percezione, capacità di ragionamento, di giudizio, ecc.) possono costituire un campanello d’allarme per lo sviluppo di una vera patologia? Quando questi disturbi iniziano ad interferire con le proprie attività e a determinare un’alterazione significativa e progressiva delle precedenti capacità cognitive. In questo caso, il soggetto può presentare difficoltà ad apprendere nuove informazioni, a ricordare eventi recenti, appuntamenti, nomi propri o di oggetti, può fare fatica a trovare le parole nel contesto di un discorso, mostrare un impoverimento del linguaggio, avere incertezze nel capire ciò che gli altri dicono o chiedono, esitazioni nell’affrontare e risolvere situazioni nuove o complesse. Può presentare un difettoso orientamento nel tempo e nello spazio (inclusi i percorsi da compiere), sentirsi “confuso” e non in grado di mantenere un certo grado di attenzione e concentrazione nelle abituali attività. A questi aspetti si possono aggiungere modificazioni del carattere, del comportamento, del tono dell’umore, con una riduzione degli interessi e dell’iniziativa.

 
 

Le cause - I vari tipi di demenza

 

La demenza è una condizione di deterioramento cognitivo acquisito in età senile o presenile (di cui, generalmente, il disturbo di memoria è quello iniziale e preminente), che determina una riduzione significativa dell’autonomia nelle attività lavorative e della vita quotidiana, con frequenti disturbi del comportamento e sintomi depressivi ed ansiosi. La maggior parte delle demenze sono progressive ed irreversibili, ma esistono anche forme reversibili e trattabili con adeguate diagnosi e terapie. Le cause di demenza sono circa una settantina e le forme più frequenti sono quelle degenerative, di cui la malattia di Alzheimer è quella nettamente più comune. Esistono altre forme degenerative come la demenza fronto-temporale, demenze nel corso della malattia di Parkinson o parkinsonismi, altri disturbi del movimento come la corea di Huntington, la sclerosi laterale amiotrofica, ecc.
Vi sono inoltre vari tipi di demenze vascolari, infiammatorie, infettive, neoplastiche, post-traumatiche, da idrocefalo normoteso, forme secondarie come quelle tossiche, metaboliche, da insufficienza di organi ed apparati, ecc.
I disturbi della sfera affettiva, come depressione ed ansia, possono avere alcuni sintomi simili a quelli iniziali delle demenze ed anch’essi possono interferire negativamente con le prestazioni di memoria e cognitive, specie attenzione e concentrazione. I disturbi cognitivi dovuti a depressione possono, però, essere reversibili con un’adeguata terapia antidepressiva. Fra l’invecchiamento cosiddetto “fisiologico” e la demenza non esiste una separazione netta, ma uno spettro continuo con situazioni di gravità intermedia, come il lieve deficit cognitivo. Tale sindrome è caratterizzata da deficit cognitivi lievi e settoriali, che non implicano alterazioni dell’autonomia nella vita quotidiana; essa può rimanere a lungo invariata o, in tempi più o meno lunghi, trasformarsi anch’essa in una demenza. Infine esiste una condizione, sempre più frequentemente riscontrabile, in cui i soggetti denunciano importanti disturbi cognitivi (specie di memoria) anche se, in realtà, costoro non hanno obiettivi deficit cognitivi riscontrabili con gli esami di approfondimento. Tali soggetti, che, talora, sono anche relativamente giovani, hanno spesso una sindrome ansiosa e/o depressiva, non riconosciuta o non accettata da loro stessi e in cui il sintomo principale è proprio costituito da un disturbo soggettivo cognitivo.

È perciò necessario valutare molto accuratamente tutti questi disturbi di tipo cognitivo per poter tempestivamente distinguere fra le varie forme d’invecchiamento, tra i vari tipi di demenza o un disturbo esclusivamente di tipo affettivo.

 
 
 

COME SI DIAGNOSTICANO?

La diagnosi si avvale di una procedura che, pur rispettando alcune caratteristiche standard ed attenendosi a criteri di linee guida validati in ambito italiano ed internazionale, è sempre specifica per ogni singolo paziente. Le valutazioni cliniche e gli esami in questo iter diagnostico sono:
Indagine anamnestica: raccoglie informazioni sui dati familiari, sulla sintomatologia e sulle modalità di esordio e sul grado di autonomia del paziente.
Esame obiettivo generale: può evidenziare disfunzioni di organi ed apparati conseguenti a vari tipi di malattie.
Esame obiettivo neurologico: può rilevare segni clinici patologici a carico del sistema nervoso centrale e periferico.
Indagini di laboratorio: possono evidenziare eventuali alterazioni all’origine di forme secondarie di demenza trattabili o reversibili.
Indagini neuroradiologiche (TC o RM cerebrale): danno un indirizzo fondamentale sulla eziologia.
EEG: è sensibile all’invecchiamento patologico.
Esame neuropsicologico: è l’esame più specifico per valutare l’esistenza, la tipologia, la gravità e l’evoluzione di un disturbo cognitivo e anche del quadro affettivo - comportamentale del paziente.
Valutazione cardiologica: può contribuire (insieme all’Eco-doppler dei tronchi sopraortici) a valutare il quadro circolatorio e, inoltre, le possibili controindicazioni per l’impiego di alcuni farmaci.
Poligrafia dinamica notturna (Mesam): valuta la presenza di possibili apnee nel sonno, che possono causare disturbi cognitivi.
Valutazioni pneumologiche: indagano le eventuali alterazioni della funzionalità respiratoria, che possono determinare o aggravare disturbi cognitivi.
In alcuni casi, è utile l’esecuzione della puntura lombare per una valutazione del liquor cerebrospinale, indice di possibili patologie infiammatorie, infettive, neoplastiche del sistema nervoso. Nel liquor sono esaminabili anche markers liquorali di neurodegenerazione anche se, attualmente, questi sono ancora esami speciali, non impiegati nella pratica clinica routinaria.

 
 

Terapie Farmacologiche e di Stimolazione Cognitiva

Le terapie farmacologiche attualmente usate nelle forme degenerative di demenza non sono risolutive perché non possono arrestare il decorso evolutivo. Tuttavia, anche per queste forme esistono farmaci che possono rallentare il decorso della sintomatologia cognitiva. Per le forme iniziali o lievi, esistono integratori che appaiono interessanti da un punto di vista concettuale per coadiuvare le altre terapie farmacologiche. Recentemente, sono stati commercializzati anche prodotti per un approccio nutrizionale nei casi di disturbi cognitivi lievi/iniziali. Risultati più chiaramente evidenziabili si possono ottenere nei disturbi affettivi e comportamentali. Risultati talora molto positivi si possono avere nel caso dell’individuazione di forme  secondarie curabili / reversibili. Da alcuni anni, sono attuate terapie di stimolazione e riabilitazione cognitiva in pazienti con lievi deficit cognitivi e forme iniziali di demenza, per stimolare le funzioni ancora intatte o poco compromesse e cercare di stimolare, entro certi limiti, anche quelle alterate. Tali tecniche vengono eseguite da psicologi con esperienze e competenze in neuropsicologia. Tali specialisti possono svolgere anche corsi d’informazione per i famigliari per la gestione del paziente, di counseling ed, eventualmente, sedute di supporto individuale o di gruppo.

 

La struttura di referimento

La CASA DI CURA TONIOLO offre la possibilità per i pazienti e i famigliari di accedere ad una struttura di riferimento per questo tipo di patologie così diffuse ed invalidanti. Vengono creati percorsi personalizzati in regime di ricovero o ambulatoriale per la valutazione multidisciplinare delle patologie cognitive di vario grado ed eziologia, inclusi gli eventuali disturbi comportamentali, dello stato psico-affettivo e funzionale, nonché delle eventuali altre patologie dalle quali può essere affetto il paziente. La casa di Cura Toniolo esegue percorsi diagnostici ed eventuali pacchetti strutturati o singoli esami comprendenti: visita neurologica, valutazione neuropsicologica, indagini neuroradiologiche, esami di laboratorio e tutti gli ulteriori approfondimenti clinici e strumentali ritenuti necessari per ogni paziente. Formula terapie farmacologiche o di altro tipo, valutandone i risultati e il follow-up, fornisce attività di supporto e consiglio ai famigliari per la gestione del paziente, organizza tecniche di stimolazione cognitiva di vario tipo, laddove applicabili ed indicate. Anche i programmi di riabilitazione neuromotoria disponibili presso la Fisiatria della Casa di Cura possono essere integrati in questo percorso.

 

Informazioni e prenotazioni:
dal Lunedì al Venerdì dalle 8:00 alle 19:00
Sabato dalle 8:00 alle 13:00
Tel. 051.62.22.008

 
  1. Piccole Suore della Sacra Famiglia
  2. Ospitiamo con cuore - Piccole suore della S. Famiglia
  3. Centro per la Famiglia La Rete
  4. Orizzonti Missionari
Casa di Cura Madre Fortunata Toniolo del Pio Istituto delle Piccole Suore della Sacra Famiglia