1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
 
Testata per la stampa
 
 
Contenuto della pagina

La riabilitazione del pavimento pelvico

 

Responsabili: Dott.ssa Beatrice Salvioli e Dott.ssa Roberta Stagnozzi

 

Il pavimento pelvico è quell’area anatomica che chiude il bacino verso il basso. Esso è costituito principalmente da un insieme di muscoli la cui funzione è di fondamentale importanza: mantenere gli organi pelvici nella loro corretta posizione, garantire la con tinenza urinaria e ano/rettale e intervenire nell’espul sione del feto durante il parto. Diversi sono gli eventi che possono comportare un danno del pavimento pelvico e i disturbi che ne con seguono. Nella donna, ad esempio, il parto, la menopausa, l’o besità, insieme ad altri fattori critici, possono indebo lire quest’area anatomica e determinare la comparsa di prolasso degli organi pelvici, incontinenza urinaria e fecale, disturbi minzionali. Un cattivo funzionamen to di questi muscoli può anche associarsi a dolore pelvico cronico e disturbi sessuologici. Negli uomini, in seguito a prostatectomia, può com parire incontinenza urinaria. Pertanto l’integrità e il buon funzionamento del pavi mento pelvico aiuta a prevenire e a correggere alcuni disturbi uro-ginecologici ed ano-rettali per i quali il trattamento riabilitativo rappresenta la scelta tera peutica principale

 
 

La Riabilitazione del Pavimento Pelvico:

Le principali tecniche che costituiscono la riabilitazione del pavimento pelvico, detta anche Riabilitazione perineale , sono:
la Chinesiterapia pelvi-perineale, l’ Elettrostimolazione funzionale, il Biofeedback

L’elettrostimolazione funzionale

L’Elettrostimolazione funzionale consiste nell’impiego di impulsi elettrici funzionali specifci, non dolorosi. È indicata nel caso in cui i muscoli perineali non riescono ad essere contratti volontariamente ed in modo adeguato.

La chinesiterapia pelvi-perineale

La Chinesiterapia pelvi-perineale consiste nell’esecuzione di esercizi di contrazione e rilassamento al fne di facilitare la presa di coscienza e di rinforzare il sistema di sostegno degli organi pelvici.

Il biofeedback

Il Biofeedback consiste nell’impiego di un’apparecchiatura in grado di registrare la contrazione o un rilassamento muscolare che potrebbero non essere percepiti. Il segnale viene trasformato in segnale visivo, consentendo così alla/ al paziente di verifcare le contrazioni o il rilassamento e di imparare a compierli in modo corretto.

 
 

L’obiettivo di queste tecniche è di aumentare la consapevolezza e la percezione di tale regione anatomica e della sua attività muscolare, rinforzare e mantenere tonica la muscolatura perineale, migliorare il controllo degli sfnteri e della continenza, aumentare la capacità di rilassamento della muscolatura.

 

Informazioni e prenotazioni:
dal Lunedì al Venerdì dalle 8:00 alle 19:00
Sabato dalle 8:00 alle 13:00
Tel. 051.62.22.008